• Veduta del centro storico

  • Basilica di San Nicola, Cappellone, ciclo di affreschi, part.

  • Terme di Santa Lucia

  • La Chiesa di S. Maria di Chiaravalle nella Riserva Naturale Abbadia di Fiastra

RSS Feedgoogle-60nerotwitter-60nerofacebook-60nero

ab. 20.769 - alt. m 228 s.l.m. 
sito web istituzionale: www.comune.tolentino.mc.it

google-maps-250

La posizione geografica particolarmente favorevole ne ha fatto da sempre, dal punto di vista storico, culturale ed economico, il tramite logico tra la zona montana e quella costiera. La fitta rete di comunicazioni rende Tolentino un nodo di rilievo: oltre alle strade che la uniscono ai paesi limitrofi, la SS 77 rende facilmente accessibili le vicine località sciistiche e di soggiorno invernale ed estivo sui Monti Sibillini; verso est collega la città con le località balneari della costa e con l’autostrada A 14. 

Piccole e medie industrie, impegnate soprattutto nella lavorazione artistica della pelle e del cuoio, sono alla base della sua economia. Alcune di esse hanno diffuso i propri prodotti, di grande prestigio, a livello internazionale. La città si è sviluppata sul luogo di stazioni preistoriche e di insediamenti piceni. 

Fu municipio romano e, dopo le incursioni barbariche, risorse come libero comune seguendo poi le sorti degli altri paesi della Marca legati al dominio pontificio. 

DA NON PERDERE

La Basilica di S. Nicola con il "Cappellone" (1325 ca.), il più vasto ciclo di affreschi delle Marche, e il Museo del Santuario. Il MIUMOR, Museo Internazionale dell’Umorismo nell’Arte, con migliaia di opere di artisti di ogni nazionalità. Le Sale Napoleoniche a Palazzo Parisani; il Castello della Rancia con il museo archeologico; l'Abbadia di Fiastra e la Riserva Naturale.

CHE COSA VEDERE

Del periodo medievale conserva buona parte della cerchia muraria che cingeva il centro urbano con le sue fortificazionie le sue porte. La comunicazione con la riva destra del Chienti avveniva tramite la Porta del ponte ed il Ponte del diavolo. Quest’ultimo, risalente al 1268, è una possente costruzione a cinque altissime arcate con torre-barriera. Dal Ponte del diavolo è ben visibile l’antichissima Chiesa di S. Maria Nuova riedificata nel sec. 18° a pianta centrale. All’interno una preziosa statua lignea policroma della Madonna con il Bambino del sec. 14°.

La Chiesa di S. Nicola fu costruita nella seconda metà del sec. 13°. Di qualche decennio più tardo è il monumentale chiostro, a trenta arcate rette da colonne in cotto di forme diverse, con le pareti completamente affrescate. 

Nella facciata, il portale, prezioso nel suo stile gotico fiorito, si deve al fiorentino Nanni di Bartolo (1432-1435) che aveva lavorato insieme con Donatello a Firenze. 

All’interno, imponente è il soffitto a cassettoni in legno dorato (sec. 17°). Tra le tele, una Sant'Anna del Guercino (1640) e San Tommaso di Villanova attribuito a G. Ghezzi (1663). Altre importanti opere, tra le quali un Presepe ligneo policromo del sec. 13°, una Vergine e Santi di Simone De Magistris e una grande pala d'altare del tolentinate Marchisiano di Giorgio (notizie1496 - 1543) si trovano nel Museo del Santuario, ricco anche di notevoli e preziosi elementi di oreficeria.

Di eccezionale rilievo il Cappellone con il più vasto ciclo di affreschi delle Marche (inizi sec. 14°), che narra la vita della Madonna, di Cristo e di san Nicola, attualmente assegnato a Pietro da Rimini. Al centro dell’ambiente è posta un’arca marmorea (1474) sormontata da una statua in pietra policroma del Santo, attribuita al fiorentino Niccolò di Giovanni (metà sec. 15°).

Nella Concattedrale di S. Catervo si conserva il sarcofago marmoreo che racchiude il corpo di Flavio Giulio Catervo, insigne opera del 4° secolo d. C. Del più antico nucleo della chiesa benedettina che si addossò al mausoleo rimangono solamente una interessante lunetta in pietra e i quattro leoniora sorreggenti il sarcofago.

Di notevole importanza sono anche un Cristo deposto, scultura in legno policromato risalente al sec. 13°, e gli affreschi che ornano la cappella di san Catervo di Marchisiano di Giorgio. 

In piazza della Libertà si innalza la singolare Torre degli orologi con i quattro quadranti che indicano le fasi lunari, le ore italiche, l’ora astronomica e i giorni della settimana e del mese (1822). La torre degli orologi costituisce anche il campanile della Chiesa di S. Francesco, che conserva, della costruzioneduecentesca, l’abside decoratacon archetti e bacini maiolicati.

Nella sacrestia, pregevoli affreschi del sec. 14° tra i quali una Madonna sotto un baldacchino retto da angeli, che può forse ritenersi una rappresentazione arcaica della consueta iconografia lauretana. Nella chiesa anche altre testimonianze del culto laureano: una Madonna di Loreto nella controfacciata ed un modellino processionale della Santa Casa del sec. 17° proveniente dalla demolita chiesa tolentinate di S. Maria di Loreto.

A Palazzo Parisani Bezzi nel 1797 fu stipulato il Trattato di Pace tra Napoleone e lo Stato della Chiesa. Interessante è la visita dell'appartamento che ospitò Napoleone nei giorni della trattativa, con arredi e suppellettili originali.

Tra i musei è da segnalare, infine, il MIUMOR, Museo Internazionale dell’Umorismo nell’Arte, unico in Italia, situato a Palazzo Sangallo, che conserva oltre 3000 opere che offrono una panoramica dell’umorismo artistico italiano e straniero. La maggior parte delle opere del MIUMOR derivano dalla Biennale della Caricatura e dell’Umorismo nell’Arte, istituita nel 1961, alla quale partecipano e concorrono artisti di ogni nazionalità.

NEI DINTORNI

Nella pianura che si apre a qualche chilometro ad est di Tolentino s’innalza, solitario e maestoso, il Castello della Rancia fatto costruire nel 1357 da Rodolfo II Varano, signore di Camerino, sul modello delle circostanti grance cistercensi, da cui prende il nome e la funzione di fattoria. Nel 1815 vi fu combattuta la Battaglia della Rancia tra gli austriaci e Gioacchino Murat. All’interno il Civico Museo archeologico con interessanti reperti dell’epoca picena e romana.

L’Abbazia di S. Maria di Chiaravalle di Fiastra è un’eccezionale costruzione edificata nel 1142 da monaci cistercensi provenienti dalla abbazia di Chiaravalle di Milano. La Riserva naturale Abbadia di Fiastra, istituita nel 1984, comprende 1825 ettari di terreni che circondano l'abbazia e dispone di ampi e accoglienti spazi verdi, sentieri-natura, percorsi ippici e ciclistici e un sentiero sensoriale. Sono inoltre presenti un Centro Congressi, il Museo della civiltà contadina, il Museo archeologico e il Museo del vino.

Il Complesso termale di S. Lucia, creato nel 1937, si trova a 3 chilometri da Tolentino su di un colle all’altezza di 450 m s.l.m. a ridosso di un fitto bosco secolare. L'offerta termale comprende il reparto di cure inalatorie, il centro di riabilitazione e terapia fisica, il centro di medicina dello sport, gli ambulatori medici specialistici e il centro estetico.

CURIOSITÀ

Si racconta che mastro Benevegna, l’architetto incaricato della costruzione del Ponte del diavolo, si trovava in tali difficoltà che, non volendo il ponte proprio stare in piedi, si rivolse nella disperazione al diavolo. Questi gli promise l’edificazione del ponte in cambio dell’anima del primo passante. Mastro Benevegna presto si pentì di aver evocato le forze del male e si rivolse a san Nicola. L’indomani il ponte era stato costruito: giunse il santo frate con una forma di formaggio ed un cane: lanciò la forma sul ponte facendola rotolare inseguita dal cane. Giunta a metà del ponte, in un bagliore di fiamme e puzzo di zolfo, la povera bestia fu afferrata dal diavolo che, subito, accorgendosi che aveva afferrato un essere vivente, sì, ma privo di anima, dette un terribile urlo e si precipitò per sempre nelle profondità della terra.

Condividi

 

Utilità

Informazioni turistiche

Tolentino
piazza della Libertà, 18 - T. 0733.972937

Abbadia di Fiastra
T. 0733.202942

Dormire, mangiare e altre info

www.turismo.marche.it
www.comune.tolentino.mc.it
www.vivitolentino.it

Internet point pubblici gratuiti

Biblioteca Filelfica
largo Fidi, 11 - T. 0733. 968670

Informagiovani
presso la Stazione Ferroviaria 
in viale G. Matteotti - T. 0733.974748

Rete WiFi pubblica e gratuita

Tolentino
(nelle piazze del centro storico, presso la Biblioteca Filelfica e l'Informagiovani);

Abbadia di Fiastra

Indirizzi utili

Municipio
p.zza della Libertà, 1 - T. 0733.9011

Polizia municipale
p.zza della Libertà, 3 - T. 0733.901263 

Carabinieri
via S. D'Acquisto, 8 - T. 0733.976500

Ufficio Postale
Galleria Europa, 7 - 0733.976411

Ufficio Postale
v.le G. Brodolini, 15 - T. 0733.971934

Trasporti

Stazione Ferroviaria
v.le G. Matteotti

Contram Mobilità
numero verde 800.037737

Consorzio Primalinee 
T. 0733.810562

Taxi
T. 0733.973486 - M. 337.660283

Salute

Ospedale
v.le della Repubblica, 18 - T. 0733.9001

Farmacia Bonifazi
P.zza della Libertà, 20 - T. 0733.973012

Farmacia Comunale
via Brodolini, 10 - T. 0733.966152

Farmacia Grasselli
v.le Buozzi, 15 - T. 0733.969832

Farmacia Marcelletti
via Roma, 12 - T. 0733.973020

Farmacia Solimani
p.zza dell'Unità, 12 - T. 0733.
968300

Terme S. Lucia
c.da S. Lucia - T. 0733.968227

Lavanderie self service

Lavoio
via Borgo Foro Boario - M. 347.8567640

Riparazione bici

Cicli Noè
via Nazionale, 76 – T. 0733.974093

Risorse Web

www.termesantalucia.it
www.abbadiafiastra.net
trasporti.provincia.mc.it
www.contrammobilita.it