• San Ginesio, panorama

  • Ospedale dei Pellegrini

RSS Feedgoogle-60nerotwitter-60nerofacebook-60nero

ab. 3.773 - alt. m 680 s.l.m. 
sito web istituzionale: www.comune.sanginesio.mc.it

google-maps-250

La cittadina sorge su un colle del versante sinistro della valle del Fiastrella; è un centro di notevole interesse storico-artistico e paesistico per l’ampio panorama che spazia dal mare ai monti - per cui è chiamato anche “Balcone dei Sibillini”- e per le pregevoli opere d’arte ed i monumenti presenti nel suo territorio. L’amenità del clima, la natura incontaminata, l’aria pura, ne fanno un ricercato luogo di turismo anche residenziale. L’origine medievale è documentata dalla presenza di tratti della cerchia muraria risalente almeno al sec. 12° e dal caratteristico impianto urbanistico. È questo il periodo in cui San Ginesio acquista notevole potere, condizione che gli permette di opporsi alla politica espansionistica di Fermo ma non all’inserimento nel sistema egemonico dei Varano fino al sec. 16° quando entra a far parte dello Stato della Chiesa.

DA NON PERDERE

La cerchia muraria medievale, la chiesa Collegiata, l’Ospedale dei pellegrini, il Museo civico “S. Gentili”, gli affreschi giottesco-riminesi nella chiesa di S. Francesco, l’abbazia benedettina delle Macchie, il convento di S. Liberato. Da gustare il “polentone” di San Ginesio.

CHE COSA VEDERE

Tra i monumenti unico nel suo genere è l’Ospedale dei pellegrini dove si rifugiavano quanti, bisognosi di assistenza, di lì passavano nel corso dei loro faticosi viaggi verso Loreto o verso Roma. L’ospedale, detto anche di S. Paolo (sec. 13°), è costituito da un basso porticato con archi a sesto ribassato sul quale poggia un elegante loggiato di epoca successiva. 

La Collegiata, risale al sec. 11° ma fu più volte restaurata e rifatta in alcune parti. Romanica la fascia inferiore della facciata che risale al sec. 11°, tardogotica quella superiore, eretta nel 1421. L’interno è un susseguirsi di opere di autori illustri: Malpiedi, Simone De Magistris, Pomarancio, Zuccari, Pietro Alemanno, Folchetti e Lorenzo Salimbeni negli affreschi della cripta (1406). Ricco di reperti archeologici, di iscrizioni e di notevoli opere d’arte, è anche il Museo civico “S. Gentili”. Risaltano tra le tante opere due tavole del ginesino Stefano Folchetti, e La battaglia tra ginesini e fermani attribuito a Nicola da Siena. Uscendo dalla piazza "A. Gentili" verso il Colle Ascarano si incontra la Chiesa di S. Francesco (sec. 13°). 

Di notevole pregio, all’interno, gli affreschi di scuola giottesco-riminese narranti storie della vita di san Francesco. Da non dimenticare la Chiesa di S. Michele Arcangelo (sec. 11°) dal bel portale gotico con l’edicola del Folchetti.


NEI DINTORNI

Sulla strada per Macerata s’incontra l’Abbazia benedettina delle Macchie nata intorno al Mille. Suggestiva la cripta divisa in sette navatelle; alcuni capitelli recano decorazioni scolpite che indicano il sec. 12° come epoca probabile della sua costruzione.

Il Convento di S. Liberato, immerso in un folto bosco, fu fatto costruire nel 1274 dai signori di Brunforte per custodire i corpi di san Liberato da Loro Piceno, seguace di san Francesco e dei suoi compagni. 

I PERSONAGGI

Alberico Gentili (San Ginesio, 1552 – Londra, 1608) 

Giurista ideologo, padre fondatore del diritto internazionale,è il più illustre figlio di San Ginesio. Laureato in giurisprudenza a Perugia, per motivi religiosi fu costretto a riparare nel 1580 nella tollerante Inghilterra elisabettiana. Nella nuova patria rivestì un importante ruolo sia come teorico del diritto sia come consulente della Corona. Dal 1587 fu nominato “Regius Professor of Civil Law” all’Università di Oxford e dal 1605 fu anche avvocato dell’Ambasciata di Spagna presso la Corte dell’Ammiragliato. 

Condividi

 

Utilità

Informazioni turistiche

I.A.T
via Capocastello, 35 - T. 0733.652056

Dormire, mangiare e altre info

www.turismo.marche.it
www.comune.sanginesio.mc.it

Rete WiFi pubblica e gratuita

Presso piazza A. Gentili e il Colle Ascarano

Indirizzi utili

Municipio - Vigili Urbani
via Capocastello, 35 - T. 0733.656022

Carabinieri
largo IV Novembre - T. 0733.656049

Ufficio Postale
vicolo delle carceri - T. 0733.656520

Trasporti

Contram Mobilità
numero verde 800.037737

Salute

Farmacia Petracci
via Capocastello, 9 - T. 0733.656091

Associazione Volontari Soccorso
via Picena, 41/43 - T. 0733.663615

Risorse Web

trasporti.provincia.mc.it
www.contrammobilita.it