• Veduta panoramica di Muccia da Col dei Venti

  • Edicola con l'immagine della Madonna di Loreto lungo l'antico percorso della Via Lauretana

RSS Feedgoogle-60nerotwitter-60nerofacebook-60nero

ab. 930 - alt. m 454 s.l.m. 
sito web istituzionale: www.comune.muccia.mc.it

google-maps-250

È un centro di interesse paesistico ed artistico situato sulle rive del Chienti che là scorre in una stretta valle chiusa dai monti ma dall’aspetto vivace e pittoresco. 

I numerosi reperti archeologici inducono a pensare ad un’origine preistorica dell’abitato. 

Nel medioevo appartenne a Camerino come tutti i castelli della zona; dal sec. 15° possedette anche un importante mulino fortificato.

DA NON PERDERE

La chiesa di S. Maria di Varano dall'interessante architettura, l’eremo del Beato Rizerio, la chiesa di S. Maria di Col dei Venti, la statua lignea di S. Sebastiano (sec. 15°) nella chiesa di S. Biagio.

CHE COSA VEDERE

Nella Chiesa parrocchiale di S. Biagio si conserva la statua lignea policroma di san Sebastiano (sec. 15°), una tra le maggiori raffigurazioni del Santo. 

La Chiesa di S. Maria di Varano sorge presso il cimitero. Il titolo, Santa Maria di Varano, fa pensare ad un’origine legata alla potente famiglia ducale camerte; il tetto a travi in luogo di una cupola come lo stile farebbe prevedere, fa ritenere che l’opera fosse fabbricata in epoca vicina alla fine della Signoria varanesca (1539) o comunque che si è in presenza di un completamento affrettato. Verso la strada statale prospetta la parte absidale dove sono affrescati, dentro una piccola nicchia, la Madonna e il Bambino.

Del castello medievale rimangono la porta e la cinta muraria del sec. 15° con quattro torri angolari una delle quali trasformata in campanile.


NEI DINTORNI

A Coda di Muccia, in zona di notevole interesse paesistico, sorge l’Eremo del beato Rizzerio dove riposano le spoglie del discepolo di Francesco di Assisi. Rizzerio iniziò a seguire Francesco dopo aver ascoltato una predica del Santo. Per la sua preparazione e la sua coerenza alla regola francescana fu inviato da Francesco nella Marca Anconetana quale Ministro Provinciale. Trascorse l'ultimo periodo della sua esistenza conducendo una vita eremitica sul monte di Muccia dove morì. La Chiesa di S. Maria di Col dei Venti fu costruita agli inizi del sec. 16° sul luogo in cui, secondo la leggenda, furono costretti a fermarsi due pellegrini tedeschi che non riuscirono più a far procedere gli animali che portavano a Roma una tavola raffigurante la Madonna col Bambino. La lasciarono, dunque, sul posto, dove la religiosità popolare eresse la chiesa che si ammira tuttora a protezione dell'icona mariana.

CURIOSITÀ

Lo stemma comunale rappresenta una mano posta su unbraciere acceso. La leggenda vuole che l’eroe romano Muzio Scevola abbia dato il nome a questo villaggio, certamente già esistente in epoca pre-romana. Scavi archeologici hanno documentato un insediamento neolitico i cui reperti sono in mostra permanente presso il Museo archeologico di Ancona. Più verosimilmente si può supporre che il nome possa derivare da una eventuale gens Mutia.

Condividi

 

Utilità

Informazioni turistiche

Pro Loco Muccia 
T. 0737.646135

Comunità Montana
località Bivio Maddalena - T. 0737.647184

Dormire, mangiare e altre info

www.turismo.marche.it
www.comune.muccia.mc.it

Indirizzi utili

Municipio
via Roma, 5 - T. 0737.646135

Polizia municipale
via Spinabello, 14 - T. 0737.647377

Ufficio Postale
piazza Barilatti, 5 - T. 0737.646338

Trasporti

Contram Mobilità
numero verde 800.037737

Taxi
piazza Cavour - T. 0737.633181

Salute

Farmacia Moreni
piazza Barilatti, 3 - T. 0737.646112

Ambulatorio medico
Dott. Sergio Cioli, p.zza della Vittoria, 20

Ambulatorio medico
Dott. Tiberio Biciuffi, p.zza della Vittoria, 16

Risorse Web

www.sibillini.net
trasporti.provincia.mc.it
www.contrammobilita.it